martedì 14 giugno 2016

CONNECTIONS di Vincent Scalisi

Vincent Scalisi
 I traveled with my daughter, my nephew and a close family friend.  All three of my travel companions were 21 years old.  All three were adventurous and curious.  We went to Italy and Sicily.  I put this trip together for a variety of reasons, including having fun with the children of my family.  I live my life, the same way I drink a good glass of wine.  I drink it in big gulps.  I wanted to make sure; they knew to appreciate the sweetness of life the same way my father taught me, in big gulps.   I also wished to create memories and solidify family bonds. A shared experience like this would be something to remember for the rest of our lives. And finally, I wanted to expose them to the history of Italy as well as their own history.  Their great-grandfather, Domenic Scalisi was born in Ucria, Sicily.  I wanted them to walk the same paths as he, and see and feel the things he had.  I wanted them to meet some cousins.   I wanted them to understand that some of the activities we do as a family, and some of the habits they have as individuals, come from Domenic and Ucria.  I also wanted to teach them how I learn about a place and history and people.   I wished to expand my own education.  We were travel companions, but we were also explorers and students.  Seeing where you come from often has the effect off putting your whole life into a new perspective.  In the same way that it is easier to plan where you are going if you know where you come from, when sailing a ship,  life begins to make more sense.  A person navigates through life the same way a person navigates across the sea.  It is important to have a starting point.  If you want to get anywhere, a person needs to know where they are, and where they come from.  If a person is smart about it, they have picked a destination, or a life, with purpose, as opposed to letting the wind, or life, blow them about without reason or thought. 
First we flew to Rome and experienced its wonder and grandeur.  Then we took the fast train to Florence and were amazed at the work of the masters. But it was Ucria, where real understanding took place.  It was here I realized that I was not just the teacher, but traveled as a student as well.  I had experiences that opened my mind and left me with wonder.
My father taught me many skills. Many of which, he learned from his father and in turn came from Ucria.    Some people would think this funny, but much of the knowledge that my father and grandfather gave me is about finding food.  The Scalisi’s in America are hunters, fishers, farmers and gatherers.  We follow the seasons and take what comes from nature to keep us fit and fed.  It all begins by being aware.  There is a legend in my family that Domenic Scalisi was so attuned to his environment that he could find groundwater.  He was a dowser, the person who picked the spot where a well would be dug.  I   haven’t been asked to dig a well, so I don’t know if this trait has been passed down.  But, I open my senses to what goes on around me so I can find food.  I pay attention to the direction of the wind and the color of the water.  I keep track of what birds are in the sky and what plants are flowering.  Do you know how high the sun will get in the sky today?  Can you tell if rain is coming?  Look, there are ants flying in the sky and the swallows are busy with breakfast. I listen for the sounds behind the conversation.  I look at the way the land bends to the river and reaches to the sky and pick my path across the landscape. 
 This awareness of what is going on around me has been instilled in me since I was very young.  There was a time when we were very poor and this awareness kept us fed.  Now, this awareness shows me much more than what nature gives us to eat. 
When I was in Ucria, my children and I spent a day with Saro, Enza and Maria at the pianocampo.  It was a special day.  I ate a lunch prepared by Enza, heated in a fire started by Saro and we were shown the twisted oaks that mark this place as theirs.  Both my daughter and I are drawn to water.  Maybe the trait to find water was passed down from Domenic.  Maria agreed to show us the River Pudara.  It is a long steep and winding walk down to the bottom of the valley.  I walked with the children and Maria, I looked at the plants and many looked familiar to the plants around our home, but many were strange.  I saw a crow fly by, almost next to us, and was reminded of my father.  That bird was his totem.  Someday, I will tell you the story of the one eyed crow.    We all talked about the natural environment around us and practiced our Italian with Maria.  I could tell we were getting close to the bottom of the valley.  We all stopped talking.  The walk became steep and wet.  I turned a corner and peered down through the brush and saw the river.  It was flowing in a torrent, full from the recent rain.  It looked like a picture of a river, framed with green leaves.   I took another step…..
I felt as if I walked through a curtain of water.  Have you ever heard of the term, déjà vu.  It is a feeling that you have been to this place before or have lived this moment before.  Maybe I was here in a dream.  I have had this type of experience before, but never as powerful as I was feeling at that moment.  I felt my eyes well up with tears.  My knees became week.  I was speechless and trying to figure out what was happening.  Maybe, one of my ancestors experienced something here and somehow that was passed to me.  Maybe the place itself was giving off a vibration that I felt.  I will never know, but the River Padura holds a mystery to me and I felt it in my bones and in my soul. I will return to this spot one day.  At the end of our trip, I asked the children; what was your favorite thing about our adventure?  My daughter told me, it was the River Padura.  I wonder if she felt any of what I felt. 
I learned something else in Ucria. I learned about family in a way that surprised me.  I have become very close to a number of Ucriese.  Some of who I call my cousin.  I have not researched the birth records.  But in my heart, I know that I share blood with many of the people of Ucria.  There was a moment in the square, when a number of Scalisi’s were standing about and laughing.  I called them all my cousins and there was a bit of laughter.  But as the conversations and laughter happened around me, I listened as closely as I could.  My head bent and my ears strained and my mind worked to pick up a familiar word, some understanding.  My Italian is weak but is getting stronger each time I visit.  I was amazed.  I turned and saw an expression on the face of a man I had never met and, for a moment, I saw my Uncles face.  I heard another man laugh with gusto and I heard my father’s laughter.  I looked up at a woman and saw my sister’s smile.   There are records in city hall and the church that might tell me who I am related too, but, I say, the faces don’t lie. In Ucria, I see the same faces that I see in my family in America.  So I will call you cousin. 
I learned about friendship and language and communication in Ucria.  I have said before my Italian is weak, but getting stronger.  I have become very close to some people in Ucria.  I was amazed, that at times, I was immersed in conversation with people whose English was as weak as my Italian, and we understood each other perfectly.  I learned about communication.  It is important to pay close attention to the person speaking.  I mean really pay attention.  Listen to every word.  Listen to what the eyes say.  Watch for the language of the body.  Listen to a person speak, as if understanding what they are saying, is the most important thing to you.  It is a wonderful feeling.  This allows you to understand much more and you become even closer to the people you listen too.   I practice this technique now I get out much more out of a conversation than in the past.
There is a song by the rock and roll band Pearl Jam.  It is called “Just breathe” and in it there is a line about being a lucky man and counting on two hands, the ones I love.  It will take more than two hands to count the ones I love in Ucria.

Vincent Scalisi
Ho viaggiato con mia figlia, mio ​​nipote e un caro amico di famiglia. Tutti e tre i miei compagni di viaggio erano 21 anni. Tutti e tre erano avventurosi e curiosi. Siamo andati in Italia e la Sicilia. Ho messo questo viaggio insieme per una serie di motivi, tra cui divertirsi con i bambini della mia famiglia. Vivo la mia vita, allo stesso modo ho bere un buon bicchiere di vino. Bevo in grandi sorsate. Ho voluto fare in modo; sapevano apprezzare la dolcezza della vita allo stesso modo in cui mio padre mi ha insegnato, a grandi sorsate. Ho anche voluto creare ricordi e consolidare i legami familiari. Una esperienza condivisa come questo sarebbe qualcosa da ricordare per il resto della nostra vita. E, infine, ho voluto esporre loro di storia d'Italia così come la loro propria storia. La loro bisnonno, Domenic Scalisi è nato a Ucria, Sicilia. Volevo loro di camminare gli stessi percorsi come lui, e vedere e sentire le cose che aveva. li ho voluto incontrare alcuni cugini. Volevo che capire che alcune delle attività che facciamo come una famiglia, e alcune delle abitudini che hanno come individui, vengo da Domenic e Ucria. Volevo anche insegnare loro come imparo su un luogo e la storia e le persone. Ho voluto ampliare la mia educazione. Eravamo compagni di viaggio, ma siamo stati anche esploratori e studenti. Vedendo da dove vieni spesso ha l'effetto scoraggiante per tutta la vita in una nuova prospettiva. Allo stesso modo che è più facile per pianificare dove si sta andando, se si sa da dove vieni, quando si naviga una nave, la vita comincia ad avere più senso. Una persona che naviga attraverso la vita allo stesso modo una persona naviga attraverso il mare. E 'importante avere un punto di partenza. Se si vuole arrivare da qualche parte, una persona ha bisogno di sapere dove sono e da dove vengono. Se una persona è intelligente a questo proposito, hanno scelto una destinazione, o di una vita, con uno scopo, al contrario di lasciare che il vento, o la vita, li soffiare in giro senza ragione o pensiero.
In primo luogo abbiamo volato a Roma e sperimentato la sua meraviglia e grandezza. Poi abbiamo preso il treno veloce per Firenze e siamo rimasti affascinati il ​​lavoro dei maestri. Ma era Ucria, dove comprensione reale ha avuto luogo. E 'stato qui mi sono reso conto che non ero solo l'insegnante, ma viaggiato come studente pure. Ho avuto esperienze che ha aperto la mia mente e mi ha lasciato con stupore.
Mio padre mi ha insegnato molte abilità. Molti dei quali, ha imparato da suo padre ea sua volta è venuto da Ucria. Alcune persone potrebbe pensare questo divertente, ma gran parte della conoscenza che mio padre e mio nonno mi ha dato è di trovare cibo. Il Scalisi in America sono cacciatori, pescatori, agricoltori e raccoglitori. Seguiamo le stagioni e prendere ciò che viene dalla natura per tenerci in forma e nutriti. Tutto comincia con l'essere consapevoli. C'è una leggenda nella mia famiglia che Domenic Scalisi era così in sintonia con il suo ambiente che avrebbe potuto trovare acque sotterranee. Era un rabdomante, la persona che ha preso il posto in cui un pozzo sarebbe stato scavato. Non è stato chiesto di scavare un pozzo, in modo da non so se questa caratteristica è stata tramandata. Ma, apro i miei sensi di ciò che accade intorno a me così posso trovare cibo. I prestare attenzione alla direzione del vento e il colore dell'acqua. I tenere traccia di ciò uccelli sono nel cielo e quali sono piante fiorite. Sapete quanto è alto il sole si metterà in cielo oggi? Si può dire se la pioggia è in arrivo? Guarda, ci sono formiche volanti nel cielo e le rondini sono impegnati con la prima colazione. Io ascolto i suoni dietro la conversazione. Guardo il modo in cui la terra si piega al fiume e raggiunge il cielo e prendo la mia strada attraverso il paesaggio.
 Questa consapevolezza di quello che sta succedendo intorno a me è stato instillato in me da quando ero molto giovane. C'è stato un tempo in cui eravamo molto poveri e questa consapevolezza ci ha tenuti nutriti. Ora, questa consapevolezza mi mostra molto di più di ciò che la natura ci dà da mangiare.
Quando ero a Ucria, i miei figli e ho trascorso una giornata con Saro, Enza e Maria al pianocampo. E 'stato un giorno speciale. Ho mangiato un pranzo preparato da Enza, riscaldata in un incendio iniziato da Saro e ci hanno mostrato le querce contorte che segnano questo luogo come loro. Sia mia figlia e io sono disegnati all'acqua. Forse il tratto di trovare l'acqua è stata tramandata da Domenic. Maria ha accettato di mostrarci il fiume Pudara. Si tratta di una lunga passeggiata ripida e tortuosa verso il fondo della valle. Ho camminato con i bambini e Maria, ho guardato le piante e molti sembrava familiare alle piante intorno alla nostra casa, ma molti erano strani. Ho visto un corvo volare da, quasi accanto a noi, e sono ricordato di mio padre. Questo uccello era il suo totem. Un giorno, vi dirò la storia di un corvo dagli occhi. Abbiamo tutti parlato l'ambiente naturale che ci circonda e praticato il nostro italiano con Maria. Potrei dire che stavamo ottenendo vicino al fondo della valle. Noi tutti smesso di parlare. La passeggiata è diventato ripido e bagnato. Ho girato un angolo e guardai verso il basso attraverso il pennello e ho visto il fiume. E 'stato che scorre in un torrente, pieno dalla pioggia recente. Sembrava l'immagine di un fiume, incorniciato con foglie verdi. Feci un altro passo ...

Mi sentivo come se ho camminato attraverso una cortina di acqua. Avete mai sentito parlare del termine, déjà vu. E 'una sensazione che sei stato a questo luogo prima o hai vissuto questo momento prima. Forse ero qui in un sogno. Ho avuto questo tipo di esperienza, ma mai potente come mi sentivo in quel momento. Sentivo i miei occhi ben di lacrime. Le mie ginocchia sono diventate settimana. Sono rimasto senza parole e cercando di capire cosa stava succedendo. Forse, uno dei miei antenati sperimentato qualcosa qui e in qualche modo che è stato passato a me. Forse il posto in sé era emettendo una vibrazione che mi sentivo. Non potrò mai sapere, ma il fiume Padura detiene un mistero per me e mi sentivo nelle ossa e nella mia anima. Tornerò su questo punto un giorno. Alla fine del nostro viaggio, ho chiesto ai bambini; qual era la cosa che preferisci su nostra avventura? Mia figlia mi ha detto, è stato il fiume Padura. Mi chiedo se si sentiva nulla di quello che sentivo.
Ho imparato qualcos'altro in Ucria. Ho imparato a conoscere la famiglia in un modo che mi ha sorpreso. Sono diventato molto vicino a una serie di Ucriese. Alcuni di che io chiamo il mio cugino. Non ho le ricerche degli atti di nascita. Ma nel mio cuore, so che condivido il sangue con molte delle persone di Ucria. C'è stato un momento in piazza, quando un certo numero di Scalisi di erano in piedi su e ridendo. Li ho chiamati tutti i miei cugini e c'era un po 'di risate. Ma, come le conversazioni e le risate è successo intorno a me, ho ascoltato il più fedelmente possibile. Il mio capo chino e le mie orecchie tese e la mia mente ha lavorato per raccogliere una parola familiare, una certa comprensione. Il mio italiano è debole, ma è sempre più forte ogni volta che visito. Sono stato stupito. Mi voltai e vidi l'espressione sul volto di un uomo che non avevo mai incontrato e, per un attimo, ho visto la mia faccia zii. Ho sentito un altro uomo ridere con gusto e ho sentito la risata di mio padre. Guardai una donna e ho visto il sorriso di mia sorella. Ci sono record in municipio e la chiesa che mi potrebbe dire che sto imparentato troppo, ma, dico io, i volti non mentono. In Ucria, vedo le stesse facce che vedo nella mia famiglia in America. Così ti chiamerò cugino.
Ho imparato a conoscere l'amicizia e il linguaggio e la comunicazione a Ucria. Ho detto prima che il mio italiano è debole, ma sempre più forte. Sono diventato molto vicino ad alcune persone a Ucria. Sono rimasto stupito, che a volte, ero immerso in una conversazione con persone il cui inglese era debole come il mio italiano, e ci siamo capiti perfettamente. Ho imparato a conoscere la comunicazione. E 'importante prestare attenzione alla persona che parla. Intendo realmente prestare attenzione. Ascoltate ogni parola. Ascoltate ciò che dicono gli occhi. Guarda per il linguaggio del corpo. Ascoltare una persona che parla, come se capire quello che stanno dicendo, è la cosa più importante per voi. E 'una sensazione meravigliosa. Questo permette di capire molto di più e si diventa ancora più vicino alle persone che si ascolta troppo. I pratica questa tecnica ora esco molto di più da una conversazione che in passato.
C'è una canzone del gruppo rock dei Pearl Jam. Si chiama "Basta respirare" e in esso c'è una linea di essere un uomo fortunato e contando su due mani, quelli che amo. Ci vorranno più di due mani per contare quelli che amo a Ucria.

Nessun commento:

Posta un commento